Categories
Bitcoin

La CSO della Human Rights Foundation esorta i lettori di Time a non „demonizzare“ Bitcoin

„Il bitcoin è neutro come il denaro e non può discriminare tra buono e cattivo“, ha detto Gladstein.

Alex Gladstein, chief strategy officer presso la Human Rights Foundation, mette in guardia gli americani sulla narrativa proveniente dai media che riferiscono su criptovalute e altri strumenti per la privacy

In un articolo per Time Magazine pubblicato oggi, Gladstein ha affermato che molti organi di informazione che trattano storie sull’app di messaggistica incentrata sulla privacy Signal o Bitcoin Code tendevano ad associarli a terroristi o organizzazioni criminali. Il dirigente della Human Rights Foundation ha respinto le narrazioni che dipingono la privacy e l’auto-sovranità in una luce negativa, dicendo che la prossima battaglia si sposterebbe sul denaro – in questo caso, le criptovalute.

„Le autorità incolperanno l’estremismo non solo su Signal e Telegram, ma anche su Bitcoin e su tutto ciò che non possono controllare“, ha detto Gladstein.

Ha aggiunto:

“Bitcoin è neutrale come il denaro e non può discriminare tra buono e cattivo […] Alcuni estremisti usano questi strumenti. Usano anche telefoni cellulari, posta elettronica e Internet. “
Gladstein ha affermato che la privacy finanziaria è essenziale per uno stato democratico sano quanto la privacy negli strumenti di comunicazione. Ha sottolineato come i giovani manifestanti a favore della democrazia a Hong Kong usassero contanti anziché carte di credito per recarsi alle manifestazioni in modo che le autorità avrebbero avuto più difficoltà a rintracciarli.

Nel frattempo, i funzionari del governo in Bielorussia, Russia e Nigeria sono stati in grado di „monitorare e congelare i conti bancari“ per chiunque fosse associato a movimenti simili. In questi casi, molti gruppi e individui a favore della democrazia sono stati in grado di utilizzare la crittografia per aggirare queste misure e ottenere comunque finanziamenti. Ad esempio, uno scambio di criptovalute con sede in Ucraina ha rifiutato di soddisfare una richiesta ufficiale del Dipartimento delle indagini finanziarie della Bielorussia di fornire informazioni personali su individui che potrebbero essere potenzialmente etichettati come dissidenti.

„La maggior parte degli americani potrebbe non comprendere ancora che la privacy finanziaria è importante tanto quanto la privacy delle comunicazioni per la nostra democrazia – che le tue abitudini di spesa dicono di te più delle tue parole“, ha detto Gladstein. „In una società aperta, la capacità di acquistare libri politici, disporre di procedure mediche discrete e creare comunità senza la sorveglianza del governo è essenziale“.

Il dirigente della Fondazione per i diritti umani ha avvertito che abbandonare strumenti finanziari come Bitcoin potrebbe potenzialmente portare a uno stato di polizia più grande negli Stati Uniti alimentato dalla „sorveglianza di massa per combattere l’estremismo“.